venerdì 13 luglio 2018

FIRMA PETIZIONE PER MOZIONE DI SFIDUCIA A SALVINI!

SALVINI STUDIA!


Emiliano RubbiSegui
 
 
 Emiliano Rubbi

Ciao Teo.
Adesso attento, siediti, ascolta bene.
1 - In Yemen c’è una guerra che dura dal 2015.
Una guerra che, innestandosi all’interno del contesto di una carestia devastante, ha prodotto più morti e più sfollati della guerra in Siria.
Ad oggi, circa due terzi degli yemeniti non hanno accesso all’acqua potabile e 15 milioni sono a rischio di morte per malattie o denutrizione.

2 - In Sudan, c’è stata la guerra nel Darfur, che ha portato l’attuale dittatore, al Bashir, ad attuare uno sterminio di massa, un genocidio su base etno/religiosa.
Al Bashir, su cui pende un mandato della Corte Internazionale per crimini contro l’umanità.
In Sudan, le violazioni dei diritti umani sono all’ordine del giorno, le libertà di associazione e di espressione fortemente limitate e l’opposizione viene messa a tacere col carcere e la pena di morte.
E nel Darfur, dove teoricamente la guerra sarebbe terminata, si continua tutt’ora a combattere e a morire ogni giorno.
3 - A meno che tu non ti riferissi al Sud Sudan, dove una sanguinosa guerra civile ha prodotto, finora, decine di migliaia di morti
4 - In Palestina, si è in guerra da sempre.
Un amico di Gaza, un giorno, mi disse di aver perso il fratello a causa di un missile che aveva colpito e abbattuto per sbaglio la sua abitazione.
Io gli dissi che mi dispiaceva molto, lui mi rispose che, da loro, è normale.
Che tutti hanno perso almeno un fratello, una sorella, un figlio, a causa delle bombe o dei missili.
5 - In Libia, si continua a combattere un po’ dappertutto.
Principalmente il conflitto riguarda il governo di Tobruk e quello di Tripoli (che sosteniamo noi, visto che si occupa di incarcerare i migranti).
Poi, ovviamente, c’è l’Isis, l’Esercito Nazionale Libico (alleato del governo di Tobruk) e un numero imprecisato di milizie autonome che, ogni giorno, combattono e si uccidono tra di loro.
Probabilmente non te ne sei accorto, quando sei passato di lì.
6 - Nel Pakistan nord occidentale si combatte ancora oggi una guerra civile iniziata nel 2004, la guerra del Waziristan, tra lo Stato centrale e un gran numero di gruppi armati locali, tra i quali Al Qaeda.
Nel Kashmir, conteso tra India e Pakistan, gli attacchi armati da un lato e dall’altro della linea di controllo sono all’ordine del giorno.
In tutto il paese, le limitazioni della libertà di espressione e la repressione di chi si batte per i diritti umani sono la norma.
Molti attivisti, semplicemente, spariscono.
7 - Nel Ciad, oltre ad una situazione economica disastrosa (è il quarto paese più povero al mondo), c’è un conflitto etnico interno tra le diverse tribù locali che va avanti da anni.
In più, c’è Boko Haram al sud e l’Isis al confine con la Libia.
Non male, eh?
8 - In Egitto, Al Sisi ha instaurato una dittatura nei fatti molto simile a quella di Mubarak.
Dal 2013 al 2017 sono state imprigionate circa 60.000 persone fra dissidenti, oppositori e presunti terroristi.
Amnesty International ha denunciato l’uso quotidiano di pratiche di tortura nelle carceri egiziane.
Restano fuori Marocco, Bangladesh, Algeria, Nepal e Ghana.
Per loro dovrebbe valere la stessa libertà che vale per i nostri compatrioti, quando vanno all’estero per cercare lavoro (tuttora oltre 250.000 nostri connazionali partono ogni anno).
Solo che i nostri, quando partono, diventano magicamente “cervelli in fuga”, loro, invece, sono solo “clandestini” o “invasori”.
Studia, Teo, prima di scrivere idiozie su Facebook.
Sei un ignorante, Teo.

mercoledì 4 luglio 2018

LEGGE MANCINO: NO AL RAZZISMO!|

Decreto legge 26 aprile 1993 (n. 122) / Decreto Mancino :
Art.3
1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, anche ai fini dell'attuazione della disposizione dell'articolo 4 della convenzione, è punito:
a) con la reclusione sino a tre anni chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico, ovvero incita a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi;
b) con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo, incita a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi;
3. È vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. Chi partecipa a tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi, o presta assistenza alla loro attività, è punito, per il solo fatto della partecipazione o dell’assistenza con la reclusioneda sei mesi a quattro anni.
Coloro che promuovono o dirigono tali organizzazioni, associazioni, movimenti o gruppi sono puniti, per ciò solo, con la reclusione da uno a sei anni.”.

martedì 19 giugno 2018

venerdì 15 giugno 2018

L'indagine sui soldi della Lega e il Lussemburgo - Il Post

L'indagine sui soldi della Lega e il Lussemburgo - Il Post: La procura di Genova sospetta che il partito abbia nascosto 3 milioni – che dovevano essere sequestrati – trasferendoli all'estero

lunedì 11 giugno 2018

SALVINI - CINICA IMMORALIA









SONO TROPPO FORTE!

Ero secessionista e ora sono sovranista.
Ero federalista e ora sono statalista.  
Ero padano e il mio capo buttava il tricolore nel cesso e ora grido: ”Prima gli Italiani!”. 
Veneravo il sacro Dio Po e ora giro sventolando rosario e Vangelo (ma me ne fotto dell’universalismo cristiano). 
Butto a mare le persone e i fondamenti della civiltà occidentale (che ha “inventato” i diritti dell’uomo) ma me ne riempio la bocca agitando la minaccia islamica. 
A furia di raccontare favole paurose sugli immigrati ho fatto scordare le lauree false, i diamanti in Tanzania, le condanne dei Bossi e i 49 milioni di euro della lega (del "popolo italiano") usati da qualcuno a fini personali.

Col 17% dei voti (del misero 50% che va ancora a votare) governo l’Italia a mio piacere!

NE SO UNA PIU’ DI HITLER!

La nave Aquarius respinta da Salvini verso Messina accolta dall'amministrazione Accorinti

La nave Aquarius respinta da Salvini verso Messina accolta dall'amministrazione Accorinti

Alfred Gomis: «Io, l’unico italiano al Mondiale per gli schiavi neri e per mio padre» - Corriere.it

Alfred Gomis: «Io, l’unico italiano al Mondiale per gli schiavi neri e per mio padre» - Corriere.it

giovedì 7 giugno 2018

#finitalapacchia!

SI SALVI(NI) CHI PUO'         

e chi non può?...cxxxi suoi!



domenica 3 giugno 2018

Razzismo e criminalità - il migrante ucciso era un eroe, non un ladro!

Le prime notizie parlavano di un ladro!  Soumaila Sacko era un eroe!

Sparatoria? Omicidio!


Sparatoria nel Vibonese, il migrante ucciso era un attivista del sindacato (VIDEO)


e ancora:

Alberto M. Melis e altre 2 persone hanno condiviso un post.
Giuseppe Don Pino Demasi
entemente e' stato ricoverato in ospedale a causa di un 'ulcera e qualcuno di noi ha fatto la notte in ospedale con lui.Dopo una lunga giornata di lavoro, pagata per pochi euro, era andato a cercare delle lamiere, per la sua baracca, in una vecchia fabbrica abbandonata sulla Statale 18, vicino Rosarno. Alle 20.30 qualcuno, a distanza di 60 metri, gli ha sparato colpendolo alla testa. Soumaila è morto.Si' perché' nei nostri territori qualcuno ha deciso cosi.IN QUESTA TERRA SI MUORE NON SOLO DI NDRANGHETA,DI TUMORE E DI MALASANITÀ' MA ANCHE DI RAZZISMO. NOI ABBIAMO SCELTO DA CHE PARTE STARE!VIVA LA CALABRIA CHE RESISTE. RESILIENZA!


  • Alberto M. Melis ha condiviso un post.
    1 h
    Don Pino Demasi, della diocesi di Oppido, ricorda così Soumaila Sacko, assassinato ieri con una fucilata alla testa nel profondo sud, dove migliaia di migranti vivono in stato di quasi schiavitù. Nel mentre il nostro nuovo Ministro dell'Interno sostiene che è finita la pacchia per gli immigrati e per le Ong che salvano i naufraghi in mare. Pietas è morta, ma forse era già morta da tempo.

venerdì 1 giugno 2018

I diritti civili non interessano, l’omofobia invece ha un ministro - Possibile

I diritti civili non interessano, l’omofobia invece ha un ministro - Possibile: Questa ultradestra che ora va al governo denigri i diritti civili ma scelga come ministro alla famiglia un esponente ultraclericale che milita in «Reazione identitaria», che battezza i convegni di Provita (associazione collegata a Forza Nuova), seguace di Putin e delle sue orrenda scelte contro i diritti liberali

Il ministro più di destra del nuovo governo - Il Post

breve stralcio:
Fontana ha diversi legami con i gruppi dell’estrema destra veronese e con l’integralismo cattolico. Sempre a Verona ha partecipato ad esempio ad alcune iniziative di Fortezza Europa, associazione nata quando un gruppo di militanti della sezione veronese di Forza Nuova aveva deciso di sostenere Federico Sboarina (sostenuto da Fontana, che ne è diventato vicesindaco) alle amministrative del 2017. Festung Europa, in tedesco, era il termine impiegato dalla propaganda del Terzo Reich durante la Seconda guerra mondiale per indicare l’Europa nazista: la parte di Europa continentale dominata dalla Germania in contrapposizione con gli Alleati anglosassoni.

leggi tutto:



Il ministro più di destra del nuovo governo - Il Post: Chi è e che cosa pensa Lorenzo Fontana, nuovo ministro della Famiglia e della Disabilità, "veronese e cattolico"

giovedì 10 maggio 2018

PALESTINA: LIBERTA’ PER AHED TAMIMI – Raiawadunia

PALESTINA: LIBERTA’ PER AHED TAMIMI – Raiawadunia: Ahed Tamimi è una ragazzina palestinese di 17 anni appena compiuti. Rischia di divenire maggiorenne all’interno di una prigione israeliana. La sua colpa? Ha preso a schiaffi e pedate due soldati israeliani nel corso di una manifestazione. Volevano usare casa sua per lanciare bombe lacrimogene contro la sua gente che manifestava contro l’occupazione israeliana e…

martedì 6 febbraio 2018

Da Fermo a Macerata, la vera emergenza è il fascismo - Annalisa Camilli - Internazionale

Da Fermo a Macerata, la vera emergenza è il fascismo - Annalisa Camilli - Internazionale

I carabinieri rileggono il colonialismo fascista - Nicola Perugini - Internazionale

I carabinieri rileggono il colonialismo fascista - Nicola Perugini - Internazionale

A PROPOSITO DI DITTATURE FASCISTE

Maria Papalia e Matteo Minelli hanno condiviso il post di Cannibali e Re.
Cannibali e Re
7 h
QUEL MINUTO DI SILENZIO CHE SFIDO' I COLONNELLI ARGENTINI. STORIA DEL CLUB DI RUGBY DEL MAR DEL PLATA, I CUI COMPONENTI VENNERO ELIMINATI UNO PER UNO DAL REGIME
Otilio fu il primo. L'inizio e la fine. La condanna a morte per il Mar Del Plata. Bastava poco, al tempo del regime dei colonnelli di Jorge Videla, per essere marchiati come rivoluzionari ed eversivi. Marchio che, nella maggior parte dei casi, comportava la morte o la sparizione. Del fenomeno dei desapareçidos ne parliamo spesso. Questa storia si inserisce nello stesso contesto, nell'Argentina della fine degli anni Settanta. Quella dei dissidenti gettati al volo dagli aerei e dei loro figli affidati ai carnefici dei genitori.
Tutto iniziò da Otilio, dicevamo. Un po' rugbysta, un po' ribelle. Di anni ne aveva 27. Otilio aveva semplicemente partecipato ad alcuni eventi del movimento studentesco, giudicato ostile al regime.
Venne ritrovato in riva ad un fiume, le mani legate ed una pallottola in testa. La morte del ragazzo scosse la squadra che decise di tributargli un minuto di silenzio. Terminato il minuto, l'arbitro fischio l'inizio dell'incontro. Nessuno si mosse. Un silenzio tombale era precipitato su tutto lo stadio. E nessuno avrebbe mosso un dito per ben 10 minuti.
Un gesto coraggioso, per alcuni un gesto da folli. Perché nell'Argentina di Videla le morti 'sospette' andavano cancellate, rimosse, dimenticate. Quel minuto di silenzio era un gesto di ribellione, di voglia di non tacere, di tributo ad un compagno morto. Divenne invece la loro condanna a morte.
'Non potranno mica ucciderci tutti', pensarono. Si sbagliavano. I giocatori del Mar Del Plata iniziarono a morire uno dopo l'altro. Incidenti, si diceva all'inizio. Dopo un po' il regime non si prese neanche il disturbo di negare l'evidenza. Li uccisero tutti tranne uno, Raul Barandiarian. Unico sopravvissuto dei 18 componenti della squadra la cui unica colpa era stata quella di non voler tacere. Raul riuscì a scampare, in qualche modo, alla morte. Riuscì quindi a raccontare la storia sua e dei suoi compagni, la storia di una dittatura feroce e di un un gruppo di rugbisti che avevano deciso di sfidarla.

MAI PIÙ FASCISMI E RAZZISMI: SABATO 10 FEBBRAIO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A MACERATA

MAI PIÙ FASCISMI E RAZZISMI: SABATO 10 FEBBRAIO MANIFESTAZIONE NAZIONALE A MACERATA

martedì 30 gennaio 2018

Pasolini, un omicidio politico

ascolta qui il podcast di Radiopopolare : Note dell’autore di mar 30/01


Pasolini. Un omicidio politico. Viaggio tra l'apocalisse di Piazza ... - Ibs

https://www.ibs.it/pasolini-omicidio-politico-viaggio-tra-libro.../9788832821468
PasoliniUn omicidio politico. Viaggio tra l'apocalisse di Piazza Fontana e la notte del 2 novembre 1975 è un libro di Paolo Bolognesi , Andrea Speranzoni pubblicato da Castelvecchi nella collana Stato d'eccezione: acquista su IBS a 14.88€!

Libro Pasolini. Un omicidio politico. Viaggio tra | LaFeltrinelli

www.lafeltrinelli.it/libri/paolo.../pasolini-un-omicidio-politico.../9788832821468
2 nov 2017 - Acquista il libro PasoliniUn omicidio politico. Viaggio tra l'apocalisse di Piazza Fontana e la notte del 2 novembre 1975 di Paolo Bolognesi, Andrea Speranzoni in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La Feltrinelli.


mercoledì 13 settembre 2017

Appello per il #BioTestamento subito in Senato - Associazione Luca Coscioni

Appello per il #BioTestamento subito in Senato - Associazione Luca Coscioni

PONTIDA: POSTEGGI PER GESTANTI RISERVATI - LA MAMMA DEI CRETINI (E DEI RAZZISTI) E' SEMPRE INCINTA



Il " Regolamento Comunale per la disciplina della sosta nei parcheggi riservati a gestanti e puerpere”, pubblicato sul sito web del Comune di Pontida (Bg) esclude inequivocabilmente mamme lesbiche e di paesi extra UE dal diritto di parcheggiare la propria auto in appositi spazi riservati, contrassegnati da strisce rosa.

giovedì 7 settembre 2017

La marcia su Roma di Forza Nuova: "patrioti" convocati il 28 ottobre - Repubblica.it

 Paolo: una persona sana, con un normale senso dell'umanità non può concepire cose simili. Questi sono pronti a rifare lager, voli della morte, torture. E' gente malata  e pericolosa. Senza contare che la Cassazione li ha definiti neonazisti e che il loro capo è un pregiudicato.



La marcia su Roma di Forza Nuova: "patrioti" convocati il 28 ottobre - Repubblica.it

VIETARE LA MARCIA SU ROMA DEI NEONAZISTI!

7/9 Aggiornamento: Dopo Possibile, anche SI e 14 deputati Pd hanno chiesto al Ministro Minniti di vietare la manifestazione ed applicare la Legge (Scelba, Mancino)
6/9
Spero che alla domanda si associno tutti I democratici, ricordando loro che l'antifascismo è un prerequisito per dirsi tali
Chiediamo al ministro dell’Interno di vietare la marcia su #Roma organizzata dai nazifascisti di #ForzaNuova per il prossimo 28 ottobre e di avviare la procedur...
Altro...
"La marcia su Roma organizzata dai nazifascisti di Forza Nuova per il prossimo 28 ottobre - non a caso - non può svolgersi, a meno che non si…
possibile.com

COSA TROVANO I MIGRANTI IN LIBIA

FLOP DI FORZA NUOVA A COMO

lunedì 14 agosto 2017

Il fastidio della "gente perbene" e l'accoglienza dei profughi al Memoriale della Shoah di Milano

Il fastidio della "gente perbene" e l'accoglienza dei profughi al Memoriale della Shoah di Milano

“Disumano riportare i migranti in Libia”

“Disumano riportare i migranti in Libia”

Le stragi senza colpevoli dell'estremismo nero - l'Espresso

Le stragi senza colpevoli dell'estremismo nero - l'Espresso

L'ODIO ASSASSINO DEI RAZZISTI

Lei è Heather Heyer, la donna di 32 anni uccisa dal terrorismo suprematista nazista a #Charolettesville. I nostri Tg hanno parlato poco di quello che è successo in Virginia. Ma è gravissimo. Da ogni lato lo si guardi. E questa povera ragazza ha perso la vita per l'odio che circonda il suo paese e tutti noi. Riposa in pace.
Mi piaceVedi altre reazioni
Commenta
Commenti
Simona Trio
Simona Trio “If you aren't outraged, then you just aren't paying attention”
Mi piaceVedi altre reazioni
· Rispondi ·
2
· 13 h
Rimuovi
Daniele Timpano
Daniele Timpano Ma si chiamano davvero suprematisti??
Mi piaceVedi altre reazioni
· Rispondi · 11 h · Modificato
Rimuovi
Fouad Roueiha
Mi piaceVedi altre reazioni
· Rispondi · 11 h
Rimuovi
Igiaba Scego
Igiaba Scego Manica di stronzi. NOn mi meraviglia che abbiano innalzato ASSAD tra i loro eroi. VD l'articolo che ho postato del Washington Post su questo Fouad Roueiha.
Rimuovi
Pietro Pinna
Pietro Pinna Per fortuna questa schifezza gli è costata cara. Il loro host su internet gli ha dato 24 ore e poi rimuoverà il loro sito. Comunque fanno schifo. http://news.sky.com/.../godaddy-pulls-support-for-neo...
After hosting it for four years, the domain…
news.sky.com